Notizie ARI

Portale ufficiale dell'ARI - Associazione Radioamatori Italiani
  1. Se confucio ci mostra la strada
    Gabriele Villa, I2VGW


     

    C'è una parola anglosassone che, sommessamente, sta entrando sempre più nel nostro vocabolario: heritage. Il vocabolo in sé può venir tradotto in più d'un modo, per esempio tradizione, eredità, etc. In ogni caso, comunque la si voglia interpretare, la parola in oggetto si porta inequivocabilmente appresso una scia di buoni sentimenti. Evoca il perpetuarsi, nel tempo, di un patrimonio di valori morali da un lato, e di opere dell'ingegno e della tecnica dall'altro lato. Evoca l'importanza di conservare e preservare questo patrimonio dai segni dell'usura e dell'oblio affinché possa continuare a rappresentare un punto di partenza. Raccogliendo in questo modo l'invito di Confucio: "Studia il passato per prevedere il futuro".

     

  2. Non una semplice rievocazione nostalgica del passato, ma un vero e proprio viaggio che parte dal lontano 11 febbraio 1929. Giorno della inaugurazione degli impianti radio RAI sul Colle della Maddalena a Torino.
    Il 20 Maggio all’Auditorium Radiofonico C della sede Rai di Torino di via Verdi, Bruno Gambarotta ed Ermanno Anfossi, con Andrea Borgnino(IW0HK), responsabile di Radio Techete' ed Edoardo Melchiorri, programmista del canale, accompagneranno il pubblico di “Qui Radio Torino” sul tracciato segnato dai programmi di archivio della radio e della televisione prodotti nel prestigioso Centro di Produzione di Torino.
    L'evento, accompagnato anche dalle musiche del cantautore Carlo Pestelli, è organizzato da Radio Techete' e Rai Teche.

    Qui Radio Torino, condotto da Andrea Borgnino ed Edoardo Melchiorri, è ad ingresso libero ed avrà inizio alle 18.00 del 20 Maggio presso il Centro di Produzione Radio Rai di Via Giuseppe Verdi 31 a Torino.

    Per partecipare alla trasmissione la prenotazione è obbligatoria:
    telefono: 011 810 4858
    e-mail: mediateca.torino@rai.it

     

  3. Claimed score
    (last update 19/05/2019 16.00z)

    Click here to see the claimed score

    Please report any error to hfcontest.ari(at)gmail.com
    Please note that no claimed score for SWL will be provided.


  4. Nell'ambito della manifestazione di divulgazione scientifica Pint of Science 2019, questa sera alle ore 19:30 il prof. Filippo Giannetti dell'Università di Pisa terrà al Caffè Letterario di Lucca (nei pressi della stazione ferroviaria) una conversazione dal titolo "I 3 scienziati e la stazione radio fantasma di Lucca". I profili di Marconi, Vallauri e Vecchiacchi fanno da sfondo ad una radio che non ci fu mai.

    Doveva essere una stazione di ascolto, abbinata a Coltano. Il prof. Vallauri aveva calcolato luogo ottimale un punto nella campagna a pochi chilometri a est di Lucca ma la cessione di tutte le attività di Coltano a Italoradio ne bloccò lo sviluppo. I nuovi titolari decisero infatti di costruire la stazione a Nodica, più vicina al mare, e non a Lucca. Così Lucca rimase senza stazione radio.
    Ma dopo Marconi e Vallauri, legati a Coltano di Pisa, sarà un lucchese ad avviare a Milano, proprio grazie ad una lettera di presentazione di Vallauri, i più grandi progetti di ponti radio a microonde che culmineranno nella realizzazione della dorsale RAI per la distribuzione del segnale TV.
    A Francesco Vecchiacchi è ora dedicata una scuola a Castelnuovo Garfagnana, una strada a Lucca e la sezione lucchese dell'Associazione italiana radioamatori (ARI).
    La manifestazione Pint of Science si svolge dal 2013 per portare nei luoghi di incontro delle persone scienziati e ricercatori.

     

    Fonte:Italradio

  5. Anche quest’anno, come per gli anni passati, la nostra Sezione, congiuntamente con l’Associazione Culturale “Quelli della Radio”, parteciperà alla manifestazione organizzata dall’Associazione “The Factory 1944” (http://www.thefactory1944.org/), presso la Tenuta Bulgari/Calissoni. L’evento di quest’anno è il 75° Anniversario della Battaglia di Aprilia del 28 maggio 1944.
    Nei giorni 25 e 26 maggio p.v., presso la Tenuta in argomento, sarà operativa una nostra stazione radio e saranno esposte Radio d’Epoca del periodo in argomento.
    I Soci della Sezione, inizieranno a fare collegamenti radio, in tutte le bande e modi possibili, a partire dal 12 maggio e termineranno il giorno 28 maggio; giorno effettivo della Battaglia.
    Sarà usato il nominativo della Sezione – IQØFB e per l’occasione sarà spedita, per ogni QSO, una Special Card.
    73 de

    Angelo, IZ0FVH
    Il Presidente

    Fonte:ARI Aprilia

  6. Cari Soci,
    come promesso anche per questo mese RadioRivista si presenta a Voi con una marcia in più: la versione digitale da sfogliare on-line nell’area rigorosamente riservata a Voi iscritti. Ma con una novità rilevante.  RadioRivista sarà online e quindi sfogliabile regolarmente per tutti gli iscritti, già a partire dal giorno 8 di ogni mese. Un'iniziativa che ho deciso di intraprendere per garantire un servizio di informazione regolare a tutti, dato che Poste Italiane continua, nonostante i nostri ripetuti reclami e le nostre anticipate chiusure in redazione, a consegnare la rivista in forte ritardo in numerose  zone del Paese. Mi auguro che questo ulteriore passo avanti venga apprezzato da tutti voi!

    Ricordo che RadioRivista online è resa possibile dalla preziosa collaborazione del nostro webmaster Massimiliano Laconca, IK8LOV, e che questa opportunità permette di sfogliare il magazine ufficiale dell’ARI con tutti i vostri devices. Ribadisco che questa innovazione, che rappresentava per me un impegno assunto con l’inizio del mio mandato, non significa e non significherà la sostituzione della rivista cartacea che costituisce comunque un patrimonio prezioso della nostra Associazione.

    73 a tutti!
    Gabriele, I2VGW

  7. Masa, JE1LET reports that, sadly, Monk Apollo SV2ASP (QTH: Mt Athos) is now Silent Key.

     

    Fonte: DX-world.net

  8. L’FT4 è una nuova modalità digitale progettata per i contest in digitale. Come l’FT8, utilizza trasmissioni a lunghezza fissa, messaggi strutturati con formati ottimizzati per QSO minimi con lunghe di 6 secondi, quindi l’FT4 è 2,5 più veloce dell’ FT8 e molto simile all’ RTTY.
    FT4 può funzionare con segnali 10 dB più deboli necessari per l’RTTY e utilizza molta meno larghezza di banda. I formati dei messaggi FT4 sono gli stessi dell’ FT8 e codificati con lo stesso codice di controllo.

    Il 29 Aprile è stata rilasciata una nuova versione del software WSJT-X 2.1.0-rc5.

    Per maggiori informazioni cliccare qui

    Fonte: ft8.it

  9. La radio si trasferisce su internet con il sistema digitale per rendere ancora più efficaci le comunicazioni tra radioamatori ed allargare le orizzonti dell’etere anche a coloro che vogliono operare da dietro una tastiera.

    Il colpaccio è stato messo a segno dalla iperattiva Sezione d’Isernia dell’ARI, finalizzato a rendere ancor di più interessante la passione fra gli operatori e, soprattutto, aprire ai giovani questo “mondo antico” con una  tecnologia moderna ed al passo con i tempi.
    A spiegare funzionamento e opportunità a TeleAesse è Giuliano Di Salvo (IZ8AWQ), Presidente della Sezione pentra, uno fra i radioamatori più attivi in Molise – sigla conosciutissima in Italia – che vanta migliaia di collegamenti certificati in tutte le parti del mondo.

    “Tempo fa utilizzando la  stessa frequenza (ascolto MHz 430.150– attivazione 435.150 MHz [tono 103.5]) in analogico, la sezione aveva montato un ripetitore a Rionero Sannitico. A livello tecnico la differenza del digitale è data  dall’audio molto più chiaro, senza il classico “fruscio” di fondo. Oltre la voce, inoltre, si possono  trasmettere anche informazioni di testo e immagini. Uno dei motivi principali che ci ha portato ad integrare il ripetitore con il sistema digitale – continua Di Salvo – è la possibilità di abbattere i limiti della propagazione, grazie all’interconnessione tra vari ponti ripetitori, sfruttando altre tecnologie di trasmissione come il digitale. Il sistema “Fusion C4FM” della Yaesu, utilizzato nel nostro caso, riesce a fondere perfettamente il sistema analogico con quello digitale“.

    Il ripetitore è il primo del genere installato in Molise. Riesce a riconoscere in automatico il sistema utilizzato dal radioamatore (analogico o digitale) durante la trasmissione. Con un vantaggio straordinario: sfruttare la rete internet ed interconnettersi con tutti i ripetitori nazionali ed internazionali.
    Oltre a ciò  – conlude IZ8AWQ – il sistema è collegato anche con altri 3 ripetitori nel Lazio: a Cassino, Frosinone e Isola Liri. Motivo per il quale, oltre ai radioamatori della sezione di Isernia, mi sento di ringraziare Arnaldo ( I0ANE), presidente della sezione A.R.I. di Cassino, per avermi aiutato a raggiungere questo importante obiettivo. Il vero spirito del radioamatore infatti è animato dalla collaborazione incondizionata“

    Fonte: TeleAesse